Prestazioni

Pensione

Attualmente la partecipazione al Fondo Pensione dà diritto ad una pensione di vecchiaia, al compimento dell’età pensionabile stabilita dal sistema pensionistico obbligatorio di appartenenza e a condizione che si sia iscritti al Fondo da almeno 5 anni. L’erogazione della pensione può essere anticipata di 5 anni se la persona interessata cessa anticipatamente l’attività lavorativa.
Ogni aderente ha la facoltà di ritardare l’inizio delle prestazioni pensionistiche senza alcun limite temporale rispetto alla data sopra indicata. Unica condizione necessaria per una simile scelta è quella di aderire almeno da un anno al Raiffeisen Fondo Pensione Aperto.

Prestazione sotto forma di rendita ovvero di capitale

Una volta che l’aderente ha raggiunto i requisiti di cui sopra, egli ha la possibilità di scegliere tra varie opzioni.
L’aderente ha la facoltà di richiedere la liquidazione della prestazione pensionistica complementare sotto forma di capitale nel limite del 50% della posizione individuale maturata.
Il valore residuo della posizione individuale viene impiegato quale premio unico per la costituzione di una rendita vitalizia immediata.

In luogo della rendita vitalizia, l’aderente può chiedere l’erogazione delle prestazioni in una delle seguenti forme:

  • una rendita vitalizia reversibile: detta rendita è corrisposta all’aderente finché è in vita e successivamente, in misura totale o per quota scelta dall’aderente stesso, alla persona da questo designata tra i soggetti previsti dal sistema previdenziale obbligatorio;
  • una rendita certa e successivamente vitalizia: per i primi cinque, dieci o venti anni (a seconda della scelta dell’aderente) questa viene corrisposta all’aderente stesso o, in caso di suo decesso, alla persona da questo designata tra i soggetti previsti dal sistema previdenziale obbligatorio.

Anticipazione / Riscatto parziale

L’aderente al Raiffeisen Fondo Pensione Aperto Raiffeisen può richiedere un'anticipazione della posizione individuale maturata:

  • in qualsiasi momento, per un importo non superiore al 75 per cento, per spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge e ai figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche;
  • decorsi otto anni di iscrizione, per un importo non superiore al 75 per cento, per l'acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli o per la realizzazione di interventi di ristrutturazione edilizia, relativamente alla prima casa di abitazione;
  • decorsi otto anni di iscrizione, per un importo non superiore al 30 per cento, per ulteriori esigenze degli aderenti.

Le somme percepite a titolo di anticipazione non possono mai eccedere, complessivamente, il 75 per cento del totale dei versamenti, comprese le quote del TFR, maggiorati delle plusvalenze tempo per tempo realizzate, effettuati al Raiffeisen Fondo Pensione Aperto a decorrere dal primo momento di iscrizione allo stesso. Le anticipazioni possono essere reintegrate, a scelta dell'aderente, in qualsiasi momento anche mediante contribuzioni annuali eccedenti il limite di 5.164,57 euro.

Il riscatto parziale è previsto

  • nella misura del 50 per cento della posizione individuale maturata, nei casi di cessazione dell'attività lavorativa che comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo non inferiore a 12 mesi e non superiore a 48 mesi, ovvero in caso di ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria.

Riscatto (erogazione definitiva)

Il riscatto totale della posizione individuale maturata, con contemporanea uscita dal Fondo Pensione, è previsto:

  • per i casi di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo e a seguito di cessazione dell'attività lavorativa che comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi. Tale facoltà non può essere esercitata nel quinquennio precedente la maturazione dei requisiti di accesso alle prestazioni pensionisti-che complementari; in caso di cessazione dell'attività lavorativa che comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi, le prestazioni pensionistiche sono, su richiesta dell'aderente, consentite con un anticipo massimo di cinque anni rispetto ai requisiti per l'accesso alle prestazioni nel regime obbligatorio di appartenenza.
  • per cause diverse, qualora vengano meno i requisiti di partecipazione al Fondo stabiliti dalle fonti che dispongono l’adesione su base collettiva.
  • qualora al raggiungimento dei requisiti previsti (età minima e periodo contributivo minimo di cinque anni) l’importo che si ottiene convertendo in rendita vitalizia immediata annua senza reversibilità a favore dell’aderente il 70 per cento della posizione individuale maturata risulti inferiore al 50 per cento dell’assegno sociale.In caso di morte dell'aderente ad una forma pensionistica complementare prima della maturazione del diritto alla prestazione pensionistica l'intera posizione individuale maturata è riscattata dagli eredi ovvero dai diversi beneficiari dallo stesso designati, siano essi persone fisiche o giuridiche. In mancanza di tali soggetti, la posizione resta acquisita al fondo pensione.L’aderente, in luogo dell’esercizio del diritto di riscatto, può proseguire la partecipazione al Fondo, anche in assenza di contribuzione.

Trasferimento

L'aderente può trasferire la posizione individuale maturata ad altra forma pensionistica complementare decorso un periodo minimo di due anni di partecipazione al Fondo.

Messaggio promozionale riguardante forme pensionistiche complementari - prima dell’adesione leggere la nota informativa ed il regolamento. I rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. Per maggiori informazioni consultare la nota informativa ed il regolamento.